Menù

  • Aglio DOP del Comune di Voghiera, Provincia di Ferrara

    Aglio DOP di Voghiera

  • Il Castello di Belriguardo nel Comune di Voghiera, Provincia di Ferrara

    Castello di Belriguardo

  • La campagna di Voghiera, Provincia di Ferrara

    La campagna

  • Museo Civico di Belriguardo

    Museo Civico di Belriguardo

  • Museo Civico di Belriguardo

    Museo Civico di Belriguardo

  • Museo Civico di Belriguardo

    Museo Civico di Belriguardo

  • La Delizia del Belriguardo vista dall'alto, Comune di Voghiera e Provincia di Ferrara

    La Delizia del Belriguardo

Dove sei: Home > Come fare per ... > Edilizia e Urbanistica > Fonti Energia Rinnovabili > Impianti soggetti P.A.S.

Impianti soggetti P.A.S.

Impianti soggetti a comunicazione di Procedura Abilitativa Semplificata

 
In che cosa consiste ?
Chi può presentare la comunicazione ?
Modulistica
A chi và presentata ?
Cosa devo presentare in allegato alla comunicazione ?
Quali verifiche effettua il comune sulle comunicazioni presentate ?
Quando posso iniziare i lavori oggetto della comunicazione ?
In quanto tempo devo realizzare le opere e come posso apportare varianti ?
Quanto mi costa e come faccio a pagare?

In che cosa consiste ?
Procedura Abilitativa Semplificata (PAS) è introdotta dal D.Lgs. n. 28/2011 in data 29.03.2011, al fine di favorire lo sviluppo della produzione di energia da fonti rinnovabili. La PAS sostituisce di fatto la procedura della Denuncia di Inizio Attività (oggi SCIA) che lo stesso D.Lgs 387/2003 ammetteva quale titolo abilitativo per determinate categorie d'impianti; la P.A.S. Và inoltrata per la costruzione ed esercizio degli impianti alimentati da fonti rinnovabili di cui ai paragrafi 11 e 12 del D.M. 10.09.2010 (Linee Guida Nazionali).
E' soggetta a P.A.S. la realizzazione o installazione dei seguenti impianti:
1. Solare fotovoltaico su coperto di edifici, indipendentemente dalla potenza e dall’ubicazione, se non ricadente nei casi di attività libera di cui all'art. 7 comma 1 lettera m) della L.R. 15/2013;
2. Solare fotovoltaico, anche se aderente o integrato nel tetto dell’edificio ed indipendentemente dalla potenza, se installato su immobili vincolati ai sensi della Parte Seconda del Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.Lgs. 42/2004);
3. Solare fotovoltaico su edifici ubicati in centro storico, se non ricadente nei casi di attività libera di cui all'art. 7 comma 1 lettera m) della L.R. 15/2013;
4. Solare fotovoltaico collocato a terra con P<20 kWe;
5. Solare termico nel tetto dell’edificio nei casi in cui:
– ricadente in centro storico (Zone A del PRG o ACS del PSC/RUE);
– ricadente su immobili tutelati;
6. Impianto eolico con le seguenti caratteristiche:
– con P ≤ 60 kWe (soglia Tab. A del D.Lgs n. 387/2003);
– con altezza complessiva non superiore a h > 1,5 m, diametro non superiore a 1 metro, ma ricadente nel campo di applicazione del decreto legislativo n. 42/2004 "Codice dei beni culturali e del paesaggio”
– con P ≤ 60 kWe, ma ricadente nel campo di applicazione del decreto legislativo n. 42/2004 "Codice dei beni culturali e del paesaggio”;
7. Impianti idroelettrici P ≤ 100 kWe;
8. Impianti alimentati da biomasse, gas di discarica, gas residuati da processi di depurazione e biogas operanti in assetto cogenerativo con capacità di generazione massima P ≤ 1 MWe ovvero di potenza termica nominale inferiore a 3 MWt (piccola cogenerazione);
9. Impianti alimentati da biomasse (anche senza cogenerazione) con P ≤ 200 kWe (soglia Tab. A del D.Lgs n. 387/2003);
10. Impianti alimentati da gas di discarica, gas residuati da processi di depurazione e biogas (anche senza cogenerazione) con P ≤ 250 kWe (soglia Tab. A del D.Lgs n. 387/2003);
Torna su

Chi può presentare la comunicazione ?
La domanda può essere presentata dal proprietario o da un soggetto titolare di un diritto reale sull'immobile area o fabbricato) o personale sul bene oggetto di intervento. A titolo esemplificativo ma non esaustivo è possibile fare riferimento all'art. 28 del vigente Regolamento Edilizio ed Urbanistico Comunale. Nel caso di più titolari la domanda deve essere inoltrata da tutti gli aventi titolo. -
Torna su

Modulistica
Mod-PAS - Procedura Abilitativa Semplificata - Sett 2013
Torna su

A chi và presentata ?
La comunicazione, compilata sull'apposito modulo, unitamente agli allegati necessari, può essere:
- presentata all'Ufficio Protocollo del Comune di Voghiera, Viale Bruno Buozzi n. 12/B, 44019 Voghiera (FE); le richieste di Permesso di Costruire, prima della loro presentazione all'Ufficio Protocollo, dovranno essere visionate dal front-office dello Sportello Unico dell'Edilizia il quale verificherà la completezza formale della documentazione apponendo un visto ricevibilità dell'istanza, sulla base delle procedure approvate con determinazione del Responsabile del Settore n. 41/2 del 29/02/2012;
- inviata tramite giro postale all'Ufficio Protocollo del Comune di Voghiera, Viale Bruno Buozzi n. 12/B, 44019 - Voghiera (FE);
- inviata tramite procedura telematica, nel rispetto del Codice dell'Amministrazione Digitale, al seguente indirizzo di Posta Elettronica Certificata (P.E.C.): comune.voghiera.fe@legalmail.it
Torna su

Cosa devo presentare in allegato alla comunicazione/denuncia ?
Documentazione obbligatoria:
- denuncia di Procedura Abilitativa Semplificata sulla base del modello Comunale “Mod-PAS – Procedura Abilitativa Asseverata” - Accedi alla modulistica comunale
- copia fotostatica di documento di identità;
- relazione dettagliata a firma di un progettista abilitato che attesti la compatibilità del progetto con gli strumenti urbanistici approvati e i regolamenti edilizi vigenti e la non contrarietà agli strumenti urbanistici adottati, nonché il rispetto delle norme di sicurezza e' di quelle igienico-sanitarie;
- opportuni elaborati progettuali a firma di un progettista abilitato che attestino la compatibilità del progetto con gli strumenti urbanistici approvati e i regolamenti edilizi vigenti e la non contrarietà agli strumenti urbanistici adottati, nonché il rispetto delle norme di sicurezza e' di quelle igienico-sanitarie;
- elaborati tecnici per la connessione redatti dal gestore di rete;
- pareri, autorizzazioni, nulla osta, rilasciati dai soggetti competenti (Soprintendenza, VV.FF., Consorzio di Bonifica, Amministrazione Provinciale, ecc.);
- atti di assenso eventualmente necessari (es. Nulla Osta idrogeologico, Autorizzazione paesaggistica ecc.);
- Presentazione degli schemi impianti di cui al DM 37/2008; 
- Scheda tecnica impianti di energia da fonti rinnovabili;
- dichiarazione dell’impresa esecutrice dei lavori sostitutiva del DURC sulla base del modello comunale; 
- attestazione/quietanza di versamento dei diritti di segreteria;
Documentazione eventuale (in relazione alla tipologia dell’intervento):
- Deposito documentazione norma sismica, ovvero asseverazione tecnico;
- Autorizzazione allo Scarico (rilasciata da HERA o Amministrazione Provinciale di Ferrara); 
- Notifica preliminare (Azienda USL e Direzione Provinciale del Lavoro)-
Torna su

Quali verifiche effettua il comune sulle comunicazioni presentate ?
Ricevuta la documentazione il Comune:
– entro 30 giorni dal deposito della documentazione, può ordinare motivatamente di non eseguire i lavori qualora si riscontri l’assenza di una o più condizioni (es. incompatibilità urbanistica o false attestazioni ecc.);
– non procedere ai sensi di cui sopra e, decorso il termine di 30 gg, l’attività di costruzione si ritiene assentita;
– nel caso in cui non siano allegati atti d’assenso dovuti in materia di paesaggio, ambiente, beni culturali, sicurezza, è incaricato del completamento della pratica e:
rilascia i pareri interni di competenza comunale entro 30 gg;
sospende i termini ed acquisisce i pareri di competenza di altri Enti d’ufficio oppure attraverso Conferenza di Servizi da convocare entro 20 giorni dalla presentazione della PAS.
Torna su

Quando posso iniziare i lavori oggetto della comunicazione/denuncia ?
I lavori possono iniziare decorsi 30 giorni dalla data di presentazione della denuncia; nel caso in cui il Comune richieda integrazioni documentali i termini vengono sospesi e continueranno a decorrere dalla data di presentazione della documentazione richiesta.
Nel caso in cui necessario un parere specifico che deve essere rilasciato dal Comune o da un altro ente competente, i 30 giorni andranno conteggiati dalla data di rilascio del parere o atto di assenso necessario.
Torna su

In quanto tempo devo realizzare le opere e come posso apportare varianti ?
L’intervento deve essere realizzato entro 3 anni dal perfezionamento della P.A.S.
Nel caso sia necessario apportare varianti, l'interessato è tenuto alla presentazione di nuova P.A.S. in variante alla precedente, sempre chè l'intervento variato rientri nell'ambito di quelli assoggettabili alla procedura descritta; nel caso in cui l'intervento variato abbia caratteristiche superiori, dovrà essere richiesta specifica Autorizzazione Provinciale.
Torna su

Quanto mi costa e come faccio a pagare?
La comunicazione di Procedura Abilitativa Semplificata è soggetta al pagamento dell'ìimporto di Euro 60,00 a titolo di "Diritti di segreteria"; tale somma potrà essere versata con una delle seguenti modalità:
- bollettino postale sul C.C.P. n. 13195441 intestato a Comune di Voghiera Servizio di Tesoreria;
- dal 20/11/2017, con bonifico bancario sull'IBAN IT73 Q 05387 67360 000003200002 presso la BPER Banca, Filiale di Voghiera, Via Dosso Dossi n. 1/B;
- versamento diretto presso la Tesoreria Comunale c/o la Cassa di Risparmio di Ferrara, Filiale di Voghiera, Via Dosso Dossi n. 1/B.
Torna su

Condividi questa pagina: